giovedì 29 novembre 2012

Superfreak: Distorsioni


lepersuperfreakstopevidencesProbabilmente condivide la stessa discarica di Frogwomen ma con attitudine più bonaria. Sembra più votato al sarcasmo sottile e all'astrattismo surreale. Cubismi e iperboli tra il demenziale e il primordiale, vaudeville per pantecane. Originale e scellerato "I don t even try" (2005) assai vicino ai collage schizofrenici dei Fugs e alle improvvisazioni caotiche dei Can ma più raffazzonati e soprattutto tremendamente stonati! Sulla stessa linea di istrionismo e trash improvvisation si muovono anche "Love or diet" (2006) e "SInce I m back in Bari" (2008), fino all'ultimo "Top evidences against evolution" (2012). Irresistibile la ballata da menestrello invasato Isn't up to me e la sarabanda strumentale venata di psichedelia deviata di G sus. Un caos organizzato e ben incanalato tanto nel ricorso alle abrasioni a bassa fedeltà che nella vocalità dissonante e canzonatoria, a tratti infantile a tratti strascicata, nello stile amatoriale e giocoso di Gordon Gano. A condire un tributo veramente kitsch e adolescenzial popolare ai Violent Femmes più ebbri e folkloristici. Sembra esserci qualcosa di veramente alternativo e qualitativamente valido nel suo linguaggio cifrato: da tenere d'occhio!

-Romina Baldoni