lunedì 8 agosto 2011

Luke Lukas - Tiny Numbers : BeatBear

Lo sape­vate che c’è un tizio tex­ano di Hous­ton, prodotto da un’etichetta barese, che pare essere il nuovo Beck??? Bè, come direbbe il Guzzanti/Vulvia, “sape­vatelo”, per­chè il gio­van­otto fà cose davvero molto interessanti.
Giunto alla sua terza pub­bli­cazione, tutte per la barese Lep­ers Pro­dut­cions (si, la T e la C vanno rig­orosa­mente inver­tite), il chitarrista/cantante Luke Lukas ne ha fatta di strada: dal sound, estrema­mente, low-fi di Super Wurth­luss, alle soluzioni più var­ie­gate e cor­pose del sec­ondo album III, sem­pre all’interno di un dis­corso folk-rock, per giun­gere con l’ultimo lavoro, Tiny Num­bers, a sfu­ma­ture elet­tro per le sue folk-ballads.
Questo nuovo Ep è un vero gioiellino, in bil­ico fra camei bar­ret­tiani (Intro­verted Future) ed elettro-folk (Ain’t True), e si ascolta che è un piacere; nelle melodie del tex­ano tro­verete quello che volete, dal buon Beck a Badly Drawn Boy, fino appunto al floy­di­ano maledetto.
L’aroma che spri­giona questo lavoro ci fa dire che è giunto il momento di far saltare il tappo; invec­chi­ato in botti folk e low-fi, Lukas ha mat­u­rato un sound orig­i­nale, che fun­ziona, non solo per i palati fini.
PS i dis­chi sono scar­i­ca­bili gra­tuita­mente sul sito della Lep­ers, ma sono anche acquistabili…e con un regalo così ci fate un figurone!

Giovanni Piccolo